20 dicembre 2020

Un brutto scherzo

Dal Diario di Gabriella... un brutto scherzo!
Un brutto scherzo
 
Il bar dove lavorava la mia famiglia, babbo, mamma, nonno e nonna paterni, era un luogo di habituè, persone che diventavano amiche, si confidavano, si rifocillavano, sostavano, si riposavano e trascorrevano delle pause anche piuttosto lunghe dal lavoro, dallo studio o dalla solitudine. Una realtà, molto comune in Italia, si diceva che il barista era lo psicologo degli italiani. Come in ogni comunità c'è sempre la persona che subisce gli scherzi perché ha quelle caratteristiche fondamentali per diventare il facile bersaglio di quelli che invece per gioco o per malvagità si divertono a farli. Oggi si chiama bullismo se va un po' troppo oltre il gioco e l'aspetto cattivo ha il sopravvento.
Ebbene, uno di questi bersagli era il ferramenta, un uomo buono e tranquillo che, se non ricordo male, era uso a lamentarsi sempre delle sue sventure.
Negli anni 70, non saprei dire con precisione quando, c'era stato il tentativo di dare in adozione i bambini orfani della guerra del Vietnam. Come fare a far recapitare al ferramenta una lettera credibile nella quale vi era la comunicazione dell'assegnazione di un bambino alla sua famiglia?
Un mio zio lavorava a quel tempo al comune di San Giovanni Valdarno e aveva facile accesso alla carta intestata. La lettera fu progettata durante molti e molti giorni e si basava su tre punti fondamentali:
 
la correttezza e serietà della famiglia cattolica praticante, con madre, padre e due figli, meritevole di elegio e stima da parte della comunità l'onore di essere stata prescelta ad accogliere un bambino in prova di adozione per poi poter decidere se confermare l'impegno o rimandare il piccolo di 9 anni, Oki ki Li Vu, questo era il nome di fantasia assegnatoli dagli ideatori, al suo triste destino
Firma autorevole del comune di San Giovanni che indicava anche l'ufficio a cui rivolgersi in caso di necessità o in alternativa la Curia

Il brav'uovo, Giorgio, dopo aver ricevuto la comunicazione si presentò al bar a dir poco disperato e dopo vari tentativi di estorcergli il motivo di tanto incupimento, si confidò con il barista, mio babbo.
Nei giorni a seguire mio padre veniva aggiornato sullo stato di avanzamento dell'organizzazione familiare: la sistemazione della cameretta, l'acquisto di un lettino a castello in più ecc. Non sto a dire l'ilarità che questa situazione provocava in tutti gli amici del bar.
Un giorno, però, Giorgio era di fretta perchè aveva un appuntamento con la Curia per capire se avesse potuto rinunciare all'adozione e a quel punto mio padre e gli altri complici decisero di far uscire fuori la verità.
La cosa precipitò, la persona in un primo momento prese bene lo scherzo ma poi, anche messo su dalla moglie andò su tutte le furie e non si fece vedere al bar per vari mesi.
Tutto sommato mio padre doveva trovare un modo per trascorrere le lunghe 14 ore al bar tutti i giorni...

MINESTRA DI SEMOLINO CON BRODO DI FINOCCHI

per 4 persone

- Gli scarti di almeno due finocchi, foglie esterne e ciuffetti
- 200 g di semolino
- 40 g di burro
- 4 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
- 40 g di parmigiano grattato
- Pepe macinato fresco
- Sale q.b.

Lavare gli scarti dei finocchi e metterli a bollire in 1,5 lt di acqua con un pizzico di sale. Cuocere per almeno 30 minuti poi passare i finocchi al passaverdure tenendo l'acqua di cottura, che a quel punto si sarà ritirata un po'. Mettere il passato di finocchi nell'acqua di cottura e portare ad ebollizione. Prima che arrivi all'ebollizione, versare a pioggia il semolino e girare finchè non addensa. Far cuocere 20 minuti, semicoperto a fuoco dolce girando di tanto in tanto.
Togliere dal fuoco e condire con il burro, l'olio e il parmigiano, sale e pepe.
Piatto semplicissimo invernale, quello che in inglese si chiama “comfort food” che piace molto a chi e solo a chi ama il gusto dei finocchi.

 

Un Natale da Regalare

Vi stupiremo con un menù delle feste fatto da ricette semplici da fare in anticipo, da conservare o regalare!
Ogni partecipante avrà una BOX INGREDIENTI OMAGGIO
X